Home Google Home Google Nest Mini vs Google Mini, le principali differente

Google Nest Mini vs Google Mini, le principali differente

489
0
google-nest-mini

Google Mini si aggiorna ed arriva la versione 2019 che porta con se svariate migliorie.

Come visto su molti forum e gruppi di discussione, erroneamente si leggono voci che dichiarano i 2 prodotti uguali, a cui è stato cambiato solo il nome per questione di marketing. Cosa sbagliatissima che potrebbe indurre in errore un possibile acquirente interessato.

Vediamo quindi le principali migliorie introdotte dal nuovo Google Nest Mini.

ESTETICA E DESIGN

Partiamo dall’ estetica: seppur identica alla vista a primo acchito, in realtà ora tutta la parte superiore è realizzata in plastica 100% reciclata. La parte posteriore invece, sempre il plastica gommata, presenta ora un foro per poter appendere il dispositivo al muro.

Il connettore di alimentazione passa dal vecchio micro USB al nuovo connettore proprietario.

AUDIO

L’audio è nettamente migliorato. I bassi risultano aumentati del 40%. Sono stati introdotti ben 3 microfoni per una migliore resa. Inoltre l’audio si autoadatta ai rumori ambientali per una migliore esperienza di ascolto e interazione.

E’ presente un nuovo sensore di prossimità su un lato che fa si che appena ci avviciniamo al dispositivo, si illuminino 2 led sempre posizionati sul lato: questi led hanno il compito di aiutare l’utente a trovare facilmente i pulsanti del volume.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

La novità più interessante di Google Nest Mini forse è l’introduzione del chip integrato per il Machine Learning. Questo chip infatti permette di interpretare e interagire con alcuni comandi basilari, senza contattare il server per elaborarne la richiesta, ma il tutto avviene in locale. Il grande vantaggio è ovviamente la maggiore velocità di risposta e la possibilità di fare richieste anche senza internet attivo. IMPORTANTE: Questa funzione, ad oggi durante la stesura dell’articolo, non è ancora disponibile per il mercato italiano ma solo quello USA. Ma conosciamo bene Google, di certo non ci farà attendere troppo per portare questa novità anche qui da noi.

Per il resto, rimangono le caratteristiche del “vecchio” Google Mini.

E voi cosa ne pensate?