Home Guide Impianto di irrigazione smart con SONOFF 4CH PRO R2

Impianto di irrigazione smart con SONOFF 4CH PRO R2

22589
34
copertina-irrigazione-smart-sonoff-4chpror2

In questa guida andremo a vedere come realizzare un impianto di irrigazione smart utilizzando un comodissimo SONOFF 4CH PRO R2.

La stessa guida è valida sia che voi vogliate utilizzare il Sonoff con l’app originale, sia che con firmware Tasmota per integrazione in Home Assistant tramite MQTT.

La guida è valida sia che voi stiate realizzando un impianto di irrigazione automatico da zero sia che abbiate già una centralina di irrigazione commerciale (Rain Bird, Orbit, Hunter, Claber o altro): in questo caso la andremo a rimpiazzare.

Il SONOFF 4CH PRO R2 è valido per automatizzare fino a 4 linee (zone) di irrigazione. Nel caso abbiate più linee è possibile affiancare 2 (o più) SONOFF 4CH PRO R2.

NOTA BENE: sono presenti in commercio altri modelli di SONOFF con nomi simili come SONOFF 4CH, oppure SONOFF 4CH R2…. ma questi NON VANNO BENE, sono modelli precedenti! E’ necessario prendere la versione 4CH PRO R2, l’unica dotata di contatti puliti per il nostro scopo e comodi pulsanti per attivare anche manualmente l’impianto!

Partiamo subito con la guida!

Materiale necessario:

Note: il quadro elettrico proposto non è impermeabile. Nel caso vi serva impermeabile ecco il link: https://amzn.to/3ey6WA4 anche se al Bricoman costano meno, se avete la possibilità di reperirli. L’interruttore magnetotermico è facoltativo, ma consigliato per staccare l’impianto d’inverno. E’ proposto quello da 10A più che sufficiente per l’impianto di irrigazione.

centralina-con-sonoff-irrigazione

Perchè ho scelto di utilizzare un SONOFF 4CH PRO R2 per il mio impianto di irrigazione?

  • Accensione e spegnimento delle elettrovalvole collegate (max 4) sia da pulsanti fisici che da remoto attraverso l’applicazione eWeLink per dispositivi Android e iOS;
  • controllo attraverso un telecomando RF 433MHz RF, quindi anche attraverso il Broadlink RM Pro;
  • controllo di ogni singola linea di irrigazione in modo indipendente;
  • installazione su barra DIN (il SONOFF occupa 8 posti);
  • controllo vocale attraverso Amazon Alexa e Google Home;
  • schedulazione e impostazioni di scenari;
  • IFTTT utilizzando altri sensori di umidità, temperatura ecc.
  • possibilità di integrazione con Home Assistant installando il custom firmware Tasmota

IMPOSTIAMO IL SONOFF

Per un risultato ottimale di irrigazione sappiamo bene che è necessario irrigare solo una zona alla volta per evitare cali di pressione. Per fare ciò impostiamo il SONOFF in modalità INTERLOCK in modo che alla pressione di un tasto (o fisico o da app) gli altri 3 canali si spengano in automatico come illustrato qui:

sonoff_4ch_pro_interlock

Apriamo quindi il Sonoff svitando le viti del case e controlliamo che sia impostata la modalità Interlock: il DIP switch K5 dev’essere su 0000 e S6 sempre su 0, quindi richiudere il Sonoff 4CH Pro:

toggle-s6-sonoff

PREPARAZIONE DELLA CENTRALINA

ATTENZIONE: Maneggiare dispositivi alimentati da corrente alternata (220V) è pericoloso se non si è pratici di elettricità e se non si sa bene cosa si sta facendo! PRIMA DI ESEGUIRE OGNI COLLEGAMENTO E’ NECESSARIO DISATTIVARE IL CONTATORE PRINCIPALE E TOGLIERE CORRENTE. Si consiglia di far eseguire tale operazione da un addetto ai lavori o sia presente una persona esperta che vi possa aiutare con i collegamenti. Non ci riteniamo responsabili di eventuali danni a cose o persone causati da uno scorretto uso di questa guida!

Apriamo la nostra centralina da 12 posti e posizioniamo i componenti sulla barra DIN: io ho seguito questo ordine per mia comodità (da sinistra): magnetotermico, trasformatore, sonoff.

centralina-aperta-sonoff-irrigazione

Ecco uno schema dei collegamenti:

collegamenti-2Per un lavoro pulito consiglio sempre l’utilizzo dei puntalini come questi: https://amzn.to/2KfKKN1

  1. Colleghiamo la linea 220V principale: dobbiamo collegare FASE e NEUTRO al magnetotermico in ingresso. La TERRA non è necessaria per questo progetto. Nella mia foto della centralina aperta, l’ingresso del mio magnetotermico è in alto, ma ad ogni modo non fa differenza, è solo questione di ordine.
  2. Colleghiamo N in uscita del magnetotermico a N in ingresso del trasformatore 220-24VAC. Colleghiamo L in uscita del magnetotermico a L in ingresso del trasformatore 220-24VAC
  3. Colleghiamo N in uscita del magnetotermico a N in ingresso del SONOFF. Colleghiamo L in uscita del magnetotermico a L in ingresso del SONOFF.
  4. Colleghiamo un filo in uscita dal trasformatore (morsetto di destra – giallo nello schema corrispondente a 24VAC) e lo colleghiamo insieme ai 4 fili rossi delle elettrovalvole. (ovviamente se le elettrovalvole sono da 24VAC. Se funzionano ad altre tensioni utilizzare le uscite del trasformatore corrette: 8 oppure 12VAC)
  5. Colleghiamo un filo in uscita dal trasformatore (morsetto a sinistra – grigio nello schema) e lo colleghiamo in ogni ingresso COM del SONOFF (magari aiutandovi sempre con mammut o ponticellando le COM)
  6. I fili di ogni elettrovalvola rimasti (neri), li colleghiamo ognuno in un canale dedicato del SONOFF, nella porta NO (normalmente aperta)

Il SONOFF può essere alimentato anche a 12VDC con il jack dedicato (invece di utilizzare la 220V) se qualcuno ne avesse necessità, ma sarebbe un componente in più da aggiungere, senza senso.

Uno volta completati i collegamenti potete chiudere il pannello della centralina e ridare corrente. Accendete il magnetotermico.

CONFIGURAZIONE E ACCOPPIAMENTO SONOFF

Ora che il Sonoff è alimentato, passiamo alla sua app eWeLink. Se non lo avete ancora fatto, scaricatela dallo store del vostro cellulare e createvi l’account.

Mettiamo ora il Sonoff 4CH PRO R2 in modalità accoppiamento, tenendo premuto per circa 7 secondi uno dei 4 pulsanti fisici: il LED Blu in basso a destra lampeggia per tre volte rapidamente.

Da app cliccate sul’icona blu con il simbolo + per aggiungere un nuovo dispositivo e seguire le indicazioni a video.

Una volta accoppiato il SONOFF ci troviamo davanti la schermata con i 4 pulsanti per comandarlo da app:

screenshot_20190421-213028

Quello che vogliamo fare ora è impostare degli orari/giorni prestabiliti per effettuare l’irrigazione automatica.

Andiamo quindi nel menu dei timer e impostiamone 2 per ogni canale: accensione e spegnimento:

Basta selezionare il canale CH (da 1 a 4), i giorni, l’orario e l’azione (ON o OFF). Nell’ esempio un’automazione per accendere il canale UNO tutti i giorni alle 5:30 per 10 minuti:

screenshot_20190421-215320 screenshot_20190421-215328

Capito il ragionamento, potete impostare i timer per tutti e 4 i canali. Ogni canale può ospitare fino a 8 timer.

Non manca inoltre l’integrazione del Sonoff con Alexa tramite la skill eWeLink Smart Home

sonoff-4ch-pro-con-alexa-e-echo-dot-skill-ewelink-smart-home-fan-169x300-1

Scopo della guida era mostrare comunque lo schema di collegamento delle elettrovalvole con il SONOFF e l’utilizzo con l’app eWeLink.

Ad ogni modo ecco un esempio con Alexa:

 

Per chi volesse invece optare per integrazioni più evolute, ad esempio con Home Assistant, è necessario flashare il SONOFF con il firmware Tasmota che potete trovare qui!

L’utilizzo di tasmota vi permetterà poi di integrare anche un magnifico pannello di controllo completamente dedicato all’irrigazione su Home Assistant.

 

Articolo precedenteModding Raspberry 4: modifichiamo il case per installare una ventola NOCTUA 5V e abbassiamo la temperatura
Articolo successivoXiaomi Mi Note 10 Smartphone, 6 GB RAM + 128 GB ROM

34 Commenti

  1. Ciao, io ho un impianto per il prato che funziona a 9v, con una sola elettrovalvola comandata da una centralina tempus dc, che pero è solo bluetooth, vorrei domotizzare per comodita il mio impianto. Sono obbligato a anche a cambiare elettrovalvola che è a 9v, oppure questo sistema si può utilizzare anche nel mio caso? Grazie

  2. Chiedo scusa se riposto, se puoi mi dai un consiglio? Grazie mille

    Ciao innanzitutto ti ringrazio per le cortesi risposte. Ti rubo ancora una risposta se possibile. Perche devo sdoppiare 5 volte il cavo da 9v? Io ho solo una elettrovalvola, non ho capito bene. Il cavo rosso e il cavo nero della elettrovalvola poi li scollego dalla mia centralina e la collego al sonoff, ma, dove lo devo collegare al sonoff? Potresti farmi un esempio di collegamento? Ti ringrazio infinitamente e chiedo ancora scusa per il disturbo

    • Ciao scusa il ritardo. avevo letto male credevo tu avessi 4 elettrovalvole…in quel caso era utilissimo lo sdoppiamento. siccome ne hai una…devi sdoppiare solo 2 volte….1 che alimenta il sonoff e l’altra che alimenta l’elettrovalvola. come esempio puoi usare quello dell’immagine… in pratica il “-” del tuo alimentatore lo porti alla COM1 del sonoff (visto che usi una sola elettrovalvola)(in figura il cavo grigio). Il “+” dell’alimentatore lo porti al cavo positivo dell’elettrovalvola (in figura la linea gialla che diventa rossa). Poi usi un cavo (in figura il nero) che parte da NO-1 e va al negativo della tua elettrovalvola

  3. Ciao Giuseppe, sto leggendo con attenzione ciò che hai fatto per domotizzare il tuo impianto di irrigazione e sono molto allettato nel eguagliarti in quanto a stima sembra che sia praticamente identico al mio e poi l’idea di comandare tutto da remoto non ha prezzo. Ti vorrei solo fare alcune domande da profano. Io attualmente ho un sistema di irrigazione ( montato da un giardiniere quindi mi mancano alcune conoscenze ) con 4 elettrovalvole e un sensore pioggia, con
    elettrovalvole in un pozzetto e programmatore e sensore pioggia a muro distanti l’uno dall’altro circa 4 mt . Sul programmatore\timer vedo che arrivano 8 fili , che suppongo siano i 2 fili di ogni elettrovalvola e poi ci sono 2 fili che partono dal sensore pioggia che pensavo andassero nel programmatore ma credo che invece vadano nel pozzetto, dico credo in quanto nel pozzetto non lo vedo arrivare e non so dove possa essere la destinazione, forse è nascosto, ma più che alle elettrovalvole non so dove possa arrivare altrimenti non ci sarebbe il funzionamento voluto ( nel pozzetto vedo tanti fili ma non se sia corretto quanto sto dicendo):
    1. non capisco perchè non vedo nessuna alimentazione del programmatore , come si alimenta ? il programmatore a muro e solo attaccato con tasselli ma nn ci sono cavi di alimentazione!
    2. nel pozzetto vedo c’è già una specie di ponte tra i filli delle elettrovalvole collegati con mammuth nei quali vedo anche un cavo ethernet RJ45 che arriva da non so dove ??? e non ne capisco il motivo ? ci sono i vari fili colorati del RJ45 che arrivano nei mammuth.
    In ogni caso tenendo valido che nel pozzetto sia tutto ok:
    1. come faccio a sapere se le elettrovalvole sono a 24 V non vedendo alimentatori o altro ?
    2 se faccio un quadro come il tuo ma le elettrovalvole sono già alimentate ( a quanto non lo so ??) si crea qualche problema ?
    3. il fatto che al programmatore vedo arrivare solo gli 8 cavi basterebbe per installare solo il SONOFF collegato alla 220 , o dovrò installare cmq anche il trasformatore ?
    4. come trasformatore andrebbe bene anche questo ? https://www.amazon.it/gp/product/B09FXZM3R7/ref=ox_sc_act_title_3?smid=A11IL2PNWYJU7H&psc=1
    5 Visto che il quadro lo metterò vicino ad una presa posso alimentare con la 220 collegando il SONOFF una semplice spina ?

    al momento non ho altre domande perchè come puoi notare ho un pò di lacune , spero capisca comunque le mie domande e mi puoi dare qualche dritta, se hai necessità ti posso inviare delle foto.

    grazie
    ciao
    Roberto

  4. Ciao, scusami non ho capito bene, cosa vuol dire bistabili da 9 volt? nel senso che non posso per nulla implementare il tutto amenochè non cambio le elettrovalvole ? ma non posso usare il connettore a 8 V del trasformatore?

  5. ciao Giuseppe, scusa se scrivo ancora ma sto cercando di approfondire.
    Ho letto che avendo delle elettrovalvole bistabili e collegando un relè passo-passo potrei risolvere il problema.
    La teoria dice che l’elettrovalvola di tipo bistabile può cambiare di stato (aperta o chiusa) in base al polarità della tensione che le viene impartita. In pratica se applico una tensione positiva l’elettrovalvola si apre (lasciando passare l’acqua). Se invece applico un tensione negativa invertendo la polarità, l’elettrovalvola si chiude. Il vantaggio di questo tipo di elettrovalvola è che non necessita di un’alimentazione continua per mantenere lo stato di apertura o chiusura. Basta invece applicare per un attimo la tensione (positiva o negativa) per permetterle di assumere lo stato desiderato (aperto o chiuso) ed è qua che credo intervenga il relè passo-passo ma tu hai idea di come collegarlo tra SONOFF e fili delle elettrovalvole ?
    grazie

    • Ciao si conosco il bistabile ma se a prima vista sembra migliore…di fatto non lo è…. Ti faccio un esempio… La centralina manda un impulso e l’irrigazione parte….a questo punto x qualsiasi motivo va via la luce in casa per ore…. L’irrigazione non può fermarsi e ti allaga tutto. Invece in configurazione monostabile se dovesse andare via la corrente, l’irrigazione si ferma subito perché la valvola non è piu alimentata….. Ad ogni modo servirebbe modificare lo script x lavorare in monostabile ma bisogna sentire se l’autore dello script lo ha previsto…

  6. Signor Giuseppe buon giorno e complimenti per l’articolo interessante e ben spiegato. Premetto che sono assolutamente digiuno di queste cose, e forse la domanda sembra banale, ma non lo è per me. Vorrei chiedere un approfondimento, per aggiungere un sensore di pioggia o umidità terreno come dovrei fare? E soprattutto, esiste uno strumento per portare la connessione internet al quadro elettrico, o meglio proprio da barra din. essendo un terreno con piccolo capanno non ho una connessione internet. Avevo pensato ad un abbonamento con scheda SIM o qualcosa del genere. Grazie ancora per il suo lavoro e disponibilità.